La new wave italiana: i migliori spot per il surf a due passi da Roma

di | Marzo 4, 2021

Quando i viaggiatori internazionali vengono a Roma, di solito non mettono in valigia una tavola da surf insieme a macchina fotografica, occhiali da sole e cappello di paglia. Con la sua arte e cultura, architettura storica, cibo, bevande e paesaggi mozzafiato, questa parte d’Italia potrebbe non essere una scelta ovvia come destinazione per il surf.

Eppure appena fuori dalla città c’è una costa esposta a piacevoli mareggiate da più direzioni – e, nei giorni giusti, può essere molto divertente per i surfisti.

Qui è possibile fare surf tutto l’anno, ma il periodo migliore per inseguire l’onda perfetta è da settembre a marzo, perché le mareggiate nel Mar Mediterraneo sono alimentate quasi esclusivamente dal tempo.

“Qui c’è bisogno di brutto tempo, temporali, pioggia e bassa pressione”, mi dice Roberto D’Amico, uno dei migliori surfisti italiani, in una giornata ventosa sulla spiaggia di Santa Marinella xxx, 40 miglia a nord-ovest di Roma. “Se il tempo è abbastanza brutto e il mare si arrabbia, è allora che ci divertiamo di più”.

Questo potrebbe non sembrare invitante per coloro che preferiscono una vacanza sulla spiaggia italiana sotto il caldo sole estivo. Eppure sulla spiaggia Banzai di Santa Marinella, uno degli spot di surf più popolari del paese, decine di surfisti sembrano apprezzare il tempo cupo.

Surfisti esperti, accanto ad adolescenti e bambini, remano, prendono le onde, stanno in piedi e si girano. Sono tutti fantasticamente agili. “Si può dire che alcuni di loro hanno un talento naturale”, dice D’Amico.

“La cosa divertente è che alcuni iniziano a fare surf per caso, magari trovano una tavola usata e iniziano per divertimento. Ma presto il surf finisce per diventare più di uno sport”, dice. “È una bellissima dipendenza”.

Il surf in Italia ha iniziato a crescere in popolarità alla fine degli anni ’70, quando i pionieri di questo sport hanno iniziato a venire sulla costa laziale. Nel corso degli anni, qui è cresciuto esponenzialmente, aiutato da nuove tecnologie e strumenti che rendono le previsioni del tempo più facili da interpretare. La spinta finale che ha consacrato il surf in Italia e altrove è stato il suo inserimento nel 2016 come sport olimpico (il suo debutto era previsto per i giochi del 2020).

“In Italia sono gli sport olimpici a fare la differenza. Se sei porno italiano uno sport olimpico, automaticamente ricevi più attenzione dai media, dal governo e dalle istituzioni preposte”, dice Marco Gregori, direttore tecnico del surf della Federazione Italiana Sci Nautico e Wakeboard. “Questo ha fatto sì che i tanti giovani che negli ultimi anni hanno continuato ad avvicinarsi a questo sport lo facciano con sempre più entusiasmo”.

“E poi, naturalmente”, continua, “va da sé: è terribilmente cool”.

Appena fuori Roma, ci sono quasi due dozzine di surf spot su una striscia di terra lunga circa 12 miglia, dalla piccola città di Torvajanica a sud fino al lungomare del quartiere romano di Ostia a nord. Mentre le onde qui sono modeste rispetto a quelle del sud-est asiatico o del Sud America, la zona ha attirato una comunità entusiasta di surfisti, con diverse scuole e istruttori che offrono una guida per tutti i livelli e le età.

L’inverno è il momento migliore per i surfisti più esperti per entrare in acqua (e sì, sarà anche il Mediterraneo, ma avrete bisogno di una muta). In estate, l’acqua è calda e le onde sono meno potenti – un momento ideale per i principianti per iniziare a fare pratica.

Ma prima di andare in spiaggia con una tavola da surf annidata sotto il braccio, è importante controllare il tempo e capire la direzione – e la forza – del vento, che di conseguenza influenzerà le onde e la spiaggia che si può scegliere. Il modo più semplice è quello di mettersi in contatto con una delle scuole di surf lungo la costa, che controllerà le previsioni del tempo e del vento, e vi indirizzerà verso la soluzione migliore, in termini di tempo e luogo. Le scuole di ogni spiaggia offrono anche il noleggio di mute e tavole.

Scuola di Surf Pettirosso; indicazioni

La località di surf più vicina a Roma è Ostia, una spiaggia sabbiosa a sud-ovest della Città Eterna che è popolare tra gli amanti del windsurf e del surf. È la migliore spiaggia da visitare se hai solo un giorno o due e vuoi provare il surf mentre sei nella capitale. Anche se a volte può essere affollata, è lunga circa nove miglia e la gente tende a sparpagliarsi. Qui i surfisti non devono pagaiare lontano per mettersi in posizione, il che lo rende un luogo ideale per i principianti.

È relativamente facile da raggiungere dal centro di Roma. Il modo migliore per arrivarci senza una macchina è prendere la linea B della metropolitana e uscire alla stazione Piramide, dove si può prendere un altro treno per Ostia lido.

Questa località balneare a circa 30 km a ovest di Roma è un altro degli spot di surf più popolari della regione, non ultimo per la gamma di buoni ristoranti – come La Scialuppa, Il Capanno dei Pescatori e Gina – che significano che una mattinata passata in acqua può essere ricompensata con un pranzo a base di pesce fresco.

Per arrivarci, l’opzione più semplice per chi non ha un’auto pompini è viaggiare in treno dalla stazione Roma Termini a Maccarese-Fregene. Quando le condizioni meteorologiche a Fregene sono scarse, le scuole di surf organizzano trasferimenti verso spot vicini come Santa Severa, Santa Marinella, Cerenova e Circeo.

La spiaggia di Banzai, che prende il nome dalla famosa Banzai Pipeline alle Hawaii, è probabilmente il posto più popolare per fare surf in Italia. Situata a nord di Roma, ha onde che arrivano da nord-ovest fino a sud-est. Il modo più semplice per arrivarci è in auto: è a poco meno di un’ora di macchina dal centro di Roma. In alternativa, puoi prendere il treno per Santa Marinella dalla stazione centrale di Roma Termini.

Se rimani a Roma ma hai più tempo per viaggiare nel paese, la Sardegna è probabilmente la tua migliore scommessa per delle buone onde. Capo Mannu, un promontorio nella parte occidentale della Sardegna, è una delle destinazioni di surf più note del Mediterraneo, con spot lungo il capo come Capo Mannu resort, Sa Mesa Longa e San Giovanni.

Varazze è uno degli spot più popolari per il surf nel nord Italia. A mezz’ora di macchina a ovest di Genova, questa piccola città nella pittoresca regione della Liguria attira centinaia di surfisti durante l’alta stagione dall’Italia e dalla vicina Francia.

Hai una spiaggia preferita vicino a Roma? Diccelo nei commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *